• Piazza della Maddalena 53 - 00186, Roma
  • Tel. +39.06 899 28 151-2-3-4
  • info@salutesviluppo.org
diro-la-mia-pag-1-1-1

News

COMUNE DI RHO – BILANCIO PARTECIPATIVO

Il bilancio partecipativo è un’esperienza di democrazia diretta che coinvolge i cittadini nelle scelte del Comune e in particolare, nella raccolta di idee, nella definizione di progetti e nella realizzazione di opere che contribuiscano al futuro e al benessere della comunità.
Quest’anno la novità principale è rappresentata dai 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile individuati dall’ONU, che saranno il filo conduttore di questa nuova edizione. Gli obiettivi individuano i cambiamenti necessari per costruire un mondo sostenibile, coinvolgendo tutti gli attori del territorio in una logica di corresponsabilità. Un ringraziamento al Comune di Rho e alla sua amministrazione, per l’impegno e la promozione di questa iniziativa è doveroso.

Quest’anno Salute e Sviluppo ha presentato un progetto nell’edizione DIRÒ LA MIA! che ha passato la fase preliminare tra oltre 6000 proposte pervenute. Solo 20 progetti sono infatti stati scelti per andare ai seggi per le votazioni. Sono stati messi a bilancio 400 mila euro (ed altri 100 mila per progetti interni alle scuole e proposti dagli alunni). Verranno finanziati i progetti in ordine di preferenza da parte dei votanti fino ad esaurimento budget. Molti progetti sono contenuti nelle spese ma un paio, se dovessero arrivare ai primi posti, assorbirebbero l’intero stanziamento. La votazione avverrà Sabato 26 Maggio nel comune di Rho (in precisi luoghi elencati nell’immagine).

Il nostro progetto è semplice e di grande valore socioculturale:

Vorremmo infatti costruire una serra didattica nella quale gli studenti possano toccare materialmente ciò che studiano sui libri. Contemporaneamente verrà costruita una serra nella Repubblica Centroafricana nella città di Bossemptélé. Gli utenti delle due serre si scambieranno consigli, esperienze, necessità, curiosità, imparando rispettivamente una realtà diversa dalla propria. Il pane che diamo per scontato sulle nostre tavole, dopo l’esperienza vissuta nella serra, non sarà più così scontato ed avrà un altro valore (e forse anche un sapore migliore!).

diro-la-mia-pag-1-1-1

Il progetto prevede tre fasi:

1) sensibilizzazione tramite incontri nelle scuole di Rho che offrano una visione di una realtà differente dall’ordinario;

2) costruzione di una serra didattica in contemporanea tra le scuole di Rho e Bossemptelé – RCA, con scambio di consigli e suggerimenti per sviluppare una coscienza agroalimentare, in una generazione che non è cresciuta a contatto con la natura;

3) gemellaggio con le Scuole di Rho e di Bossemptelé – RCA, scambio di materiale didattico e programma scolastico, costruendo un legame che favorisca la crescita individuale e lo sviluppo di una sana coscienza sociale.

I cittadini residenti a Rho possono votare anche on-line QUI.

diro-la-mia-pag-2-1

Non resta che incrociare le dita e spargere la voce!!!!!

 

Progetto imprenditoriale femminile per la distribuzione di acqua potabile a Bagré

Continua l’impegno di Salute e Sviluppo nel promuovere iniziative per migliorare le condizioni di vita delle comunità di Bagré (Burkina Faso) e sostenere azioni per l’uguaglianza di genere, grazie all’avvio del progetto cofinanziato dalla Fondazione Prima Spes Onlus.

Nonostante il Burkina Faso abbia registrato notevoli progressi nell’accesso a fonti di acqua potabile, ancora notevoli disparità esistono tra aree urbane e rurali. Le malattie idro-trasmissibili rappresentano il 9% delle cause di mortalità in generale e il 19% di mortalità infantile. Inoltre, l’approvvigionamento idrico e le criticità ad esso connesse sono particolarmente rilevanti per le donne, prime responsabili della raccolta dell’acqua e delle altre attività ad essa legate.

Le attività dell’iniziativa “Progetto imprenditoriale femminile per l’impacchettamento e la vendita di acqua a Bagré” hanno avuto inizio il 10 aprile 2018.

L’intervento si propone di favorire l’imprenditorialità femminile, attraverso la creazione di una micro-azienda per l’impacchettamento di acqua potabile e, al contempo, di aumentare la consapevolezza della popolazione locale sull’utilizzo di acqua impura e in materia igienico-sanitaria.

Beneficiari diretti del progetto saranno 10 donne vulnerabili, che saranno accompagnate nell’avvio dell’attività imprenditoriale per la vendita dell’acqua. Beneficeranno indirettamente dell’iniziativa circa 60.000 persone delle comunità locali circostanti (comprese le scuole), che potranno acquistare acqua potabile ad un costo sociale, e circa 3.000 persone che parteciperanno a sessioni educative in materia igienico-sanitaria in punti strategici di aggregazione del territorio e nelle scuole.

Il progetto sarà implementato coinvolgendo realtà ben radicate e già operanti nel territorio, con le quali Salute e Sviluppo ha intrattenuto pregressi rapporti di collaborazione: la Diocesi Tenkodogo, quale controparte, la Parrocchia di Bagré, la Maison de l’Entreprise du Burkina Faso e il Pole de croissance de Bagré.

L’iniziativa contribuirà allo sviluppo dell’area e all’inclusione socio-economica delle fasce più vulnerabili della popolazione in un’ottica di uguaglianza di genere.

Mani silenziose e grandi cuori

 Le ultime settimane sono state intense per i volontari di Salute e Sviluppo in Lombardia e Piemonte.

È già partito un container per il Burkina Faso e per la Repubblica Centrafricana e uno è previsto in partenza il prossimo 4 dicembre.  In pochi giorni le strutture ospedaliere riceveranno materiale prezioso che contribuirà al miglioramento delle condizioni di cura e degenza di centinaia di persone.

Con gratitudine ricordiamo l’ASST Rhodense per aver donato numerose attrezzature, arredi e perfino indumenti per il personale medico dell’ospedale di Bossemptelé. Grazie all’Azienda Ospedaliera San Paolo e al Sig. Mosca per le strumentazioni destinate al reparto di neonatologia. Grazie al sig. Bodini Francesco e allo studio dentistico Pravettoni di Cornaredo per il materiale devoluto all’ambulatorio dentistico.

Un affettuoso abbraccio e ringraziamento, infine, a collaboratori e volontari per il loro impegno durante il ritiro del materiale presso i diversi plessi e nell’allestimento dei container: Roberto, Emilio, Alessandro, Luca, Santino, Matteo, Marco.

La generosità e l’aiuto di chi silenziosamente ci circonda e permette di portare avanti il lavoro di SES è il cuore e il senso del “cooperare” ovvero operare assieme, camminare allo stesso passo e condividere

Grazie quindi e soprattutto perché ci siete!

 

 

20171127_160457-min

 

20171120_115948-min

CONCLUSIONE PROGETTO STOP ALLA MALARIA: GRAZIE TAVOLA VALDESE

Si è concluso nel mese di settembre 2017 il progetto Stop alla Malaria, prevenzione e cura per i bambini di Bossemptelè. L’iniziativa, avviata grazie al supporto della Tavola Valdese, ha operato in un contesto difficile dove povertà e sottosviluppo convivono con una guerra civile interna che scuote il paese fin dal 2013. Il progetto ha operato sul settore sanitario rispondendo alla necessità di cura proveniente dalla popolazione locale, configurandosi come azione di contrasto alla malaria, malattia endemica a livello territoriale e causa di morte soprattutto nella popolazione infantile.

sam_0606

L’intervento si è svolto a Bossemptelè, Regione di Oham-Pendé, da Salute e Sviluppo (promotore) in partenariato con la struttura ospedaliera “Giovanni Paolo II” dove sono stati avviati percorsi di diagnosi e cura per questa malattia infettiva. Parallelamente sono state distribuite sul territorio zanzariere impregnate di insetticida e sensibilizzata la popolazione riguardo alle modalità di trasmissione della malaria, riconoscimento tempestivo dei sintomi e precauzioni per scongiurarne la diffusione.  L’impatto sul territorio e sulla salute dei beneficiari è stato significativo e la popolazione ha risposto in maniera positiva a tutte le azioni di sensibilizzazione e educazione igienico sanitaria correlate al progetto. Al termine dell’iniziativa è stato migliorato l’accesso ai percorsi di prevenzione, assistenza e cura della malaria per i bambini, garantite le cure sanitarie per il riconoscimento e la cura della malaria e ospedalizzati i bambini in condizioni critiche e necessitanti di trasfusioni di sangue o cure avanzate per un totale di 4313 pazienti assistiti e trattati. Sono state distribuite 500 zanzariere alla popolazione locale con riguardo particolare alle fasce più vulnerabili. Il progetto ha avuto un impatto ed una rilevanza così significativa tanto da attirare l’interesse del Ministero della Salute che ha voluto contribuire all’iniziativa potenziandone l’efficacia attraverso la donazione di farmaci e reagenti.

dscn1754

dscn1600

img_20150808_095203

opm

Buone notizie per le mamme di Bossemptelé!

Grazie al supporto della Cooperazione Italiana, e nell’ambito dell’”Iniziativa di emergenza a sostegno del sistema sanitario, dell’agricoltura e sicurezza alimentare e dell’educazione della popolazione vulnerabile”, è stato avviato ufficialmente il progetto “Risposta ai bisogni neonatali nell’area di Bossemptelè” in Repubblica Centrafricana.

In un paese sfiancato dalla crisi umanitaria e dagli scontri armati sono i bambini e le donne ad essere i più vulnerabili. Ogni 1000 nati vivi, 96 bambini non superano i 12 mesi. Altrettanto allarmanti sono le statistiche relative alla mortalità delle donne al momento del parto. Quasi un terzo delle cliniche del paese è stato danneggiato o distrutto dal conflitto e la metà dei presidi medici non è più in funzione. Le cliniche attive non sono in grado di far fronte a tutte le richieste e sono sprovviste delle attrezzature necessarie ad assicurare una gestione adeguata del parto.

Bossemptelé è una delle aree meno servite da un punto di vista sanitario. Qui l’Ospedale Giovanni Paolo II, uno dei pochi non sottoposto ad attacchi da parte delle fazioni ribelli, continua a svolgere un servizio cruciale in ambito materno infantile.  La struttura tuttavia non è attrezzata per l’assistenza neo-natale e il tasso di mortalità alla nascita sfiora il 6%. Il 7% dei bambini non arriva al 1 anno di vita e il 2% nemmeno alla prima settimana. Ciò è da imputarsi, oltre alla carenza infrastrutturale, strumentale e in termini di preparazione del personale locale, anche alle condizioni di salute di madri e bambini in particolare agli alti tassi di denutrizione e malnutrizione.

Con questo progetto realizzeremo, allestiremo ed avvieremo un reparto di neonatologia presso l’Ospedale Giovanni Paolo II. Inaugureremo inoltre un servizio di assistenza domiciliare. Una componente fondamentale del progetto sarà rappresentata della formazione: oltre al trasferimento formale di conoscenze in ambito pediatrico e neonatologico al personale medico, sarà fondamentale assicurare che le donne dell’area di Bossemptelé acquisiscano nozioni di base per una corretta nutrizione e salute, per prendersi cura di sé stesse e dei propri bambini. Il progetto selezionerà pertanto un gruppo di beneficiarie che trasferiranno quanto appreso ad altre donne in 24 villaggi.

mamma

bosemptele-2012-137

acis2

 

 

Arti e Mestieri a Tenkodogo

Si è appena conclusa la prima annualità del progetto “Arti& Mestieri” in Burkina Faso a Tenkodogo, nella Provincia di Boulgou, un’iniziativa co-finanziata dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Il Burkina Faso è uno dei paesi con il più basso indice di sviluppo umano al mondo e il 40% della popolazione vive sotto la soglia della povertà. I dati a livello nazionale rivelano come soltanto il 65,4% dei giovani sotto i 20 anni (che a loro volta rappresentano circa il 60% della popolazione totale) sia disoccupato. Considerando che il numero medio di anni di istruzione è di circa 8 e sono poche le opportunità di formazione tecnico-specialistica, molti giovani restano a lungo senza un impiego decente. Ciò si ripercuote nella diffusione di occupazioni informali, non adeguatamente remunerate e spesso rischiose o degradanti.

La mancanza di prospettive, l’incapacità di esprimere i propri talenti ed aspirazioni si riflette anche in alti tassi migratori. L’età dai 15 ai 24 anni è quella più sensibile in relazione alla decisione di migrare. Le migrazioni verso l’estero sono spesso precedute da movimenti interni, dalle aree rurali alle aree urbane (l’80% della popolazione del Burkina Faso vive nelle campagne) con una pressione crescente sui servizi e sulle infrastrutture cittadine.

La provincia di Boulgou, nella regione del Centro-Est del paese, è una delle più fragili del paese: il 55,1% degli abitanti vive in condizioni di povertà. Nonostante le potenzialità economiche dell’area, sia da un punto di vista agricolo che commerciale, la mancanza di infrastrutture e di accesso ai servizi di base incide sulla capacità della popolazione locale di far fronte anche ai bisogni più fondamentali. Questa situazione e la mancanza di strutture scolastiche spinge le famiglie a non investire sulla formazione dei propri figli. La necessità di rispondere alle sfide di breve termine chiude precocemente le opportunità di cambiamento rafforzando la trappola della povertà.

Il progetto Arte e Mestieri, è nato un anno fa dalla necessità di disporre nella Provincia di Boulgou di un polo di formazione tecnica per giovani finalizzato all’inserimento professionale. Dopo aver compiuto un’analisi di mercato in relazione ai profili professionali più ricercati nella zona, si è scoperto la totale assenza di una scuola professionale nella città di Tenkodogo abbiamo deciso di costruire la scuola.

In questi dodici mesi sono stati realizzati cinque laboratori: uno per la formazione per elettricisti, uno di falegnameria, un’officina, un atelier per la saldatura dei metalli ed uno per le opere in muratura. Un blocco a parte raduna tutte le aule di formazione e un’aula docenti. Nello stesso edificio è stata realizzata la direzione amministrativa per la gestione del centro polivalente.

Una volta predisposte le strumentazioni dei singoli laboratori, verranno inaugurati i corsi di formazione tecnica.  Grazie all’entusiastica diffusione dell’iniziativa nel territorio ci si attende una partecipazione di almeno 500 studenti ogni anno.  Vi terremo aggiornati!

 

 

foto10